Home

Il Santuario

 

- Storia
- Visita virtuale
- Beata Toscana
- Bibliografia
- Preghiere e Inno
- Liturgia delle Acque

 


Casa del Pellegrino

 

- Costruzione
- Descriz. ambienti
- Pellegrinaggi
- Sostienici

 


I Frati Cappuccini

 

- Storia
- Gruppo Ofs
- Gruppo San p.Pio
- Il Foglio del Mese

 


Informazioni

 

- Dove siamo
- Orari S.Messe
- Celebrazioni Giubilari
- Links
- Contatti
- Ascolta la Radio

 

Il Santuario

 

 

Home > Il Santuario > Storia > LE ORIGINI

Sulla strada che da Casalmaggiore porta a Sabbioneta, attraversato il passaggio a livello della Ferrovia Brescia-Parma, e lasciato sulla destra il Cimitero, ci si inoltra nel verde della campagna sino a che non si intravvede da lontano il Santuario della Beata Vergine della Fontana, circondato da alti ippocastani che ne fanno un'oasi di silenzio e di pace.

La strada di accesso e la facciata del Santuario

Le sue origini si perdono nei secoli.

La tradizione parla di un affresco della Madonna allattante il Bambino Gesù, dipinto su un muro e di un pozzo di acqua freschissima cui la gente andava ad attingere acqua. Questa antichissima tradizione, sembra appoggiarsi su un presunto strumento notarile del 878, esistente nell'archivio della Cattedrale di Cremona, in cui si parla di una permuta di terreni tra due sacerdoti nella zona di "un pozzo di S. Maria non lontano da S. Pietro di Mascano" (Vicomoscano).

E' certo che i fedeli portavano grande devozione a quella antica Immagine e che attribuivano virtù taumaturgiche alla Fonte, perché si immergevano nell'acqua invocando la intercessione di Maria per essere liberati dalle malattie.

Il miracolo della guarigione di un cieco dalla nascita che riacquista improvvisamente la vista e che è citato da tutti gli storici, ne è la prova.

In un manoscritto anonimo del 1623 leggiamo:

"La Chiesa della Fontana, dedicata all'Annunziata della Madonna, è fuori di Casalmaggiore mezzo miglio. Vi è un Convento de' PP. Serviti. La Chiesa è la più bella di Casalmaggiore: grande, proporzionata, e col volto maestro assai stimato dagli architetti. t divisa in tre navi, nelle cui collaterali esistono le cappelle. Fu edificata nel 1463, secondo una nota di un libro, ma si crede più antica. Fu eretta in occasione di miracoli operati da una immagine dipinta sopra un pilastro, vicino ad una fonte perenne di acqua, ove attualmente sono due bagni, uno per le donne e l'altro per gli uomini; nei quali quelli che vi entravano -ricevevano la salute dalle loro malattie. Eravi una tavoletta, che tutti abbiamo veduta, la quale conteneva moltissimi miracoli e grazie, ma si è smarrita".

Preesistente allora al santuario attuale vi era già una Cappella.


Campanile e absidi - sec. XV
Il Romani, che scrisse la storia di Casalmaggiore dice: "Questa Cappelletta ora sottoposta al Presbiterio del predetto Tempio, preesisteva già da molti secoli, ed io vidi, al di dietro di essa, in tempi di mia fanciullezza, dipinti del sec. XIII e XIV, di miracoli fatti da quella Immagine".

Tutte le più nobili e facoltose famiglie concorsero alla costruzione e all'abbellimento del Santuario. Gli stessi Gonzaga, della vicina Sabbioneta, che per alcuni anni furono Signori di Casalmaggiore (1517-1522) vi contribuirono. Ebbero anzi il privilegio di esporre nel Tempio il loro stemma gentilizio, visibile sino al secolo scorso sul terzo arco della navata maggiore, a sinistra.

Nei momenti drammatici, di invasioni di truppe mercenarie straniere, di carestia, di siccità, peste, colera, alluvioni del Po, i cittadini hanno trovato nel loro Santuario della Fontana un riferimento sicuro: la certezza che la Madonna li avrebbe salvati e protetti.

Tre volte la Bassa Padana fu ridotta quasi allo sterminio dalla peste: nel 1497, nel 1528, nel 1630.

Nella peste del 1497 perirono più di mille persone. Disperato per tale strage, il popolo ricorse con gran fede alla sua Madonna. La grazia fu ottenuta, perché il flagello si allontanò. A memoria del fatto venne posta sulla facciata della Chiesa questa iscrizione, ora scomparsa:

VIRGINI MATRI
TEMPLUM OLIM VOVIT CASALMAIUS
ET PESTILENTIA LIBERATUM EST

 

 


Webmaster: Pier Giovanni Mortara