Home

Il Santuario

 

- Storia
- Visita virtuale
- Beata Toscana
- Bibliografia
- Preghiere e Inno
- Liturgia delle Acque

 


Casa del Pellegrino

 

- Costruzione
- Descriz. ambienti
- Pellegrinaggi
- Sostienici

 


I Frati Cappuccini

 

- Storia
- Gruppo Ofs
- Gruppo San p.Pio
- Il Foglio del Mese

 


Informazioni

 

- Dove siamo
- Orari S.Messe
- Celebrazioni Giubilari
- Links
- Contatti
- Ascolta la Radio

 

Il Santuario

 

 

Home > Il Santuario > Visita virtuale > ESTERNO DEL SANTUARIO

Il Santuario venne costruito nel 1463: questa data è indicata da molti storici come la più sicura.


Campanile e absidi - sec. XV
Le affermazioni del Romani sull'esistenza di alcuni affreschi, ora scomparsi, da lui visti personalmente, risalenti al secolo XIII e XIV, alcune date scoperte recentemente sugli affreschi della parte anteriore della Chiesa: 1407 - 1433 - 1437 e soprattutto le indagini fatte alcuni anni fa su alcune suture murarie scoperte nel soffitto e lungo i muri perimetrali, fanno ritenere che il santuario sia stato costruito in due tempi.

La data quindi del 1463 dovrebbe essere quella del rifacimento completo e dell'allungamento della Chiesa.

Sullo stile del Santuario così scrive Mons. Franco Voltini: "Tra le costruzioni coeve del cremonese, il Santuario è forse quella che più ha assorbito gli spiriti gotici, con una sorprendente eccezione della volta a botte che probabilmente qualche tempo dopo la costruzione, sostituì una probabile capriata originaria.


Portale in cotto del sec. XV
La linea fortemente ascensionale che alla facciata attribuiscono la accentuata elevazione della fronte, e il profilo saliente delle ali laterali ha il suo riscontro, più che sul fianco, soltanto inferiormente scandito da lesene di scarso aggetto, nella nervosa articolazione delle tre absidi poligonali, di cui, quella centrale raggiunge una inconsueta altezza, determinata dalla presenza della Cripta sotto il presbiterio.

E' da ammirare, prima di entrare in Santuario, lo splendido portale con decorazione in cotto delle due lesene portanti una trabeazione di stile rinascimentale. 

 

 


Webmaster: Pier Giovanni Mortara